GIORNATA MONDIALE DEI POVERI: ANCHE IL CENTRO SOCIALE VINCENZIANO E’ STATO PRESENTE

Il 18 novembre scorso (2018) dopo la S. Messa celebrata da Papa Francesco nella Basilica Vaticana, in occasione della Giornata Mondiale dei Poveri, – da lui istituita con la Lettera apostolica “Misericordia et misera”, pubblicata il 21 novembre 2016, a conclusione del Giubileo straordinario della Misericordia – alle ore 13.00 il Papa ha partecipato, nella Sala Paulo VI, con 3.000 poveri al consueto pranzo annuale: un momento di festa e condivisione. Il pranzo è stato offerto da Rome Cavalieri-Hilton Italia in collaborazione con Ente Morale Tabor. Contemporaneamente, nelle tante parrocchie che hanno aderito all’iniziativa, nei centri di volontariato e in alcuni Collegi e scuole, ognuno secondo le proprie possibilità, è stato offerto un pranzo ai poveri, come momento di festa e condivisione.
Anche il Centro Sociale Vincenziano ha partecipato al Pranzo dei Poveri con 20 dei propri assistiti.
Papa Francesco in occasione della Giornata dei Poveri ha evidenziato nel suo messaggio che: 

Ci viene detto, anzitutto, che il Signore ascolta i poveri che gridano a Lui ed è buono con quelli che cercano rifugio in Lui con il cuore spezzato dalla tristezza, dalla solitudine e dall’esclusione. Ascolta quanti vengono calpestati nella loro dignità, i quali, nonostante questo, hanno la forza di innalzare lo sguardo verso l’alto per ricevere luce e conforto. Ascolta coloro che vengono perseguitati in nome di una falsa giustizia, oppressi da politiche indegne di questo nome e intimoriti dalla violenza; eppure sanno di avere in Dio il loro Salvatore. Ciò che emerge da questa preghiera è anzitutto il sentimento di abbandono e fiducia in un Padre che ascolta e accoglie. Sulla lunghezza d’onda di queste parole possiamo comprendere più a fondo quanto Gesù ha proclamato con la beatitudine «Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli» (Mt 5,3)